Grazie alla CEDU, anche in Italia è arrivata la normativa per ottenere indennizzo o risarcimento per l'irragionevole durata dei processi, a carico dello stato.

L'art. 6 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (approvata e ratificata in Italia con la l. n. 848/55) prescrive espressamente che “Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata”.

In particolare è con la cd. Legge Pinto, legge n. 89/2001, che l'Italia ha dato concreta e ultima attuazione al principio per cui il cittadino va indennizzato nel caso di un processo troppo lungo.

L'art. 2 al comma 2-bis dispone che si considera rispettato il termine ragionevole (...) se il processo non eccede la durata di tre anni in primo grado, di due anni in secondo grado, di un anno nel giudizio di legittimità. (...)”.

Il successivo comma 2-ter prevede che “si considera comunque rispettato il termine ragionevole se il giudizio viene definito in modo irrevocabile in un tempo non superiore a sei anni”.

Quindi per tutti i processi ed i giudizi civili, fallimentari, esecutivi, pensionistici ed amministrativi se durano troppo, si può richiedere ed ottenere un risarcimento allo Stato (vanno valutati ovviamente in concreto i singoli casi).

ATTENZIONE: il risarcimento-indennizzo non è riconosciuto automaticamente: occorre avviare una causa tramite avvocato, con un procedimento avanti alla competente Corte di Appello.

La stessa Legge Pinto stabilisce che la Corte di Appello, ove riconosca il diritto, deve liquidare a titolo di equa riparazione una somma di denaro non inferiore a euro 400 e non superiore a euro 800 per ciascun anno (o frazione di anno superiore a sei mesi), con possibilità di aumenti o diminuzioni.

Contattaci per maggiori informazioni

Contatta lo Studio per una valutazione preliminare, gratuita e senza impegno

Contattaci

Ci sono molte variabili e casistiche: ad esempio, sulla base dei parametri utilizzati dalla Corte Europea dei diritti dell’uomo, la giurisprudenza italiana della Cassazione ha indicato in tre anni la ragionevole durata del primo grado di giudizio, con un indennizzo che può anche dare tra € 1.000,00 ed € 1.500,00 per ogni anno superiore alla ragionevole durata (con la norma base che, però, lo limita dai € 400 agli € 800).

Spesso si può chiedere il risarcimento anche se si è perso il giudizio, la causa (vanno verificati i singoli casi).

Contattaci per maggiori informazioni

Contatta lo Studio per una valutazione preliminare, gratuita e senza impegno

Contattaci

Uno dei punti di forza è l’operatività sul territorio: seguiamo pratiche di indennizzo - equa riparazione in tutta Italia.

Contattaci e fissa un incontro

Contatta lo Studio per concordare un colloquio preliminare gratuito (anche online o telefonico)

Contattaci

Chiedi un parere ed preventivo online gratuito

Indicaci i dettagli della Tua vicenda ed allega i documenti utili. In breve riceverai un feedback e un contatto per approfondire

Preventivo

Assistenza INDENNIZZO

Consulenza e assistenza sul Tuo caso di giudizio o processo lento

Altre info
Richiesta preventivo
Se sei in possesso di documenti utili ai fini del preventivo, allegali alla richiesta. Tutti i file che saranno da Voi sottoposti allo Studio saranno rigorosamente coperti dal segreto professionale. Se non disponi ora di tutti i file, o se sono troppo pesanti puoi integrare la tua richiesta successivamente.

Ho preso visione e accetto le condizioni del servizio

Dichiaro di avere almeno 16 anni e di acconsentire al trattamento dei miei dati personali al fine di rispondere a questa richiesta, secondo quanto indicato nella privacy policy.

I dati inseriti saranno trattati in conformità al D.Lgs. n. 196/2003. Leggi la nota informativa sulla privacy

reCAPTCHA is required.